Affrontare settembre a mente serena…

Settembre si avvicina e con lui tutti quei “lo farò a settembre” che abbiamo posticipato in vista dell’estate. Se l’estate è sinonimo di libertà, gioco, divertimento, mente libera, settembre ci aspetta al varco quasi come un incubo. Pieno di incombenze da svolgere e ritmi frenetici che ricominciano.

Può essere la scuola che ricomincia, le interrogazioni, il rientro dalle vacanze, il corso di danza o di calcetto, la prospettiva di un un nuovo anno di lavoro… insomma, solo a pensare a settembre ci si sente stanchi. Ma non fisicamente direi. Più una stanchezza mentale. Ma non preoccupatevi perchè con qualche piccolo consiglio nutrizionale possiamo renderci queste fatiche meno gravose, fornire energia e sprint alla mente e mantenerla sempre sveglia ed attiva, ridurre lo stress ed affrontare Settembre alla grande.

Certo, ormai mi conoscete, io vi ripropongo sempre anche un po’ di attività fisica che male non fa. Una corsa, una passeggiata all’aria aperta, uscire a sentire gli odori dell’autunno che si avvicina… sono sicuramente ottimi antistress a costo zero!! Ma sicuramente anche scegliere i cibi giusti, che sono ricchi di sostanze con effetto neuro-protettivo fa la sua parte.

Il cibo è da sempre considerato alleato per supportare il fisico ma studi recenti hanno evidenziato la capacità di fornire elementi indispensabili alla protezione delle funzioni mentali. In particolare, per mantenere una mente sana è indispensabile mantenere la plasticità dei neuroni ed una buona attività sinaptica e mantenere attivi i processi cognitivi. Ad esempio, una dieta ricca di acidi grassi omega-3 che si trovano in noci, semi di lino e pesce azzurro gioca un ruolo chiave nel  mantenimento dei processi cognitivi; mentre è stato dimostrato che una dieta ricca in grassi saturi (come quelli di carne e formaggi) è in grado, a lungo andare, di ridurre i substrati molecolari che supportano l’elaborazione cognitiva, aumentando il rischio di disfunzione neurologica.

Insomma, Ciò che mangiamo e quanto mangiamo può influenzare i processi cerebrali sotto diversi punti di vista (regolare i neurotrasmettitori, modulare le trasmissioni sinaptiche, modificare la fluidità delle membrane cellulari e le vie di trasmissione dei segnali nervosi).  Le calorie in eccesso possono infatti causare un aumento della produzione di radicali liberi che vanno ad aumentare la vulnerabilità cellulare, ed in particolare quella delle cellule cerebrali che sono molto sensibili al danno da ossidazione; se invece riusciamo a mangiare nella giusta quantità e, ancora meglio, cibo di qualità, siamo in grado di proteggere il cervello dai danni ossidativi e mantenere una buona funzione mentale. 

E a quel punto, chi avrà più paura di settembre?

Quindi ricordiamo di mangiare cibi che fanno bene al cervello e alla concentrazione. Ottimi alleati sono per esempio:

AVOCADO: l’avocado è uno di quei cibi miracolosi che fanno bene davvero per tutto. Ma in particolare per la mente è davvero un superfood. E’ ricco di grassi monoinsaturi che, tra le altre cose,  aiutano la circolazione a livello cerebrale, fornisce una buona quantità di vitamina A,D,E e K che sono importanti per il buon funzionamento del sistema nervoso e aiutano a combattere lo stress ossidativo; inoltre fornisce grassi omega 3 ed antiossidanti che sono indispensabili per contrastare i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare.

FRUTTI DI BOSCO: sia freschi che disidratati: ci sono numerosi studi che testimoniano l’effetto benefico dei frutti di bosco ed in particolare dei mirtilli sulla salute del cervello e sull’attività cerebrale. I frutti di bosco sono infatti molto ricchi di flavonoidi, tannini, fenoli ed antociani che sono tutte sostanze in grado di migliorare la memoria a breve termine ed aumentare la velocità e la capacità di apprendimento. Se consumati con regolarità, per esempio a colazione nei cereali o come spuntino o, perchè no, aggiunti all’insalata (insalata di valeriana con mirtilli), aiuteranno a mantenere il cervello sempre giovane.

BROCCOLI: so che non vi piacciono ammettetelo. Però i broccoli sono davvero utili quando parliamo di salute (ed in particolare di salute della nostra mente); sono uno dei migliori alimenti per il cervello che si possano trovare. Insieme ai loro parenti cavolfiori, cavoletti di bruxelles, verza, cavoli, contengono una elevata quantità di vitamina K che è davvero utilissima per migliorare le proprietà cognitive ed in generale le capacità intellettuali. Inoltre contengono glucosinolati che sono composti contenenti zolfo indispensabili corretto funzionamento del sistema nervoso centrale riducendo il rischio di demenza senile e mantenendo viva la memoria.

SEMI DI ZUCCA: i semi di zucca sono inaspettatamente una fonte di giovinezza sia per la mente che per il corpo. Così piccoli ma così potenti, andrebbero consumati con regolarità proprio per le loro caratteristiche nutrizionali. Sono infatti ricchi di vitamine del gruppo B, triptofano e magnesio che hanno tutti un effetto benefico sull’umore e sono considerati, a ragione, potenti antistress. Inoltre sono molto ricchi di zinco che è anch’esso utile per migliorare la memoria

CURCUMA: Anche se non è decisamente una spezia mediterranea, da qualche tempo è entrata prepotentemente nelle nostre dispense perchè è un concentrato di benessere. La curcuma contiene infatti il principio attivo “curcumina” che ha un elevato potere anti-infiammatorio che è utile all’intero organismo. Per quel che riguarda la salute cerebrale, la curcuma è uno di quegli alimenti che bisognerebbe introdurre nella dieta di tutti i gironi. Aiuta infatti a ridurre i deficit di memoria, protegge il cervello dai radicali liberi con benefici per tutto il sistema nervoso.

PESCE AZZURRO: In particolare sgombro e sardine (ma anche il salmone va bene sebbene non sia azzurro!)  perché ricchissimi di omega 3 che aiutano il cervello a mantenersi giovane e reattivo, hanno un’azione antinfiammatoria e riducono i livelli di LDL (colesterolo cattivo) e trigliceridi migliorando la circolazione e, di riflesso, la circolazione sanguigna a livello dei vasi cerebrali che consentiranno una buona irrorazione al cervello.

SEMI DI LINO  E NOCI: sono anch’essi ricchissimi di omega 3 e perciò utili a mantenere una mente attiva. Possono essere consumati come ottimo spuntino spezzafame, nello yogurt a colazione o a merenda o anche triturati nelle insalate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *